fbpx

La giornata della memoria a scuola

Attività di musica per il ricordo della shoah

Ciao collega👋
La giornata della memoria si avvicina, e io ho preparato alcune attività musicali per poter affrontare questo delicato argomento a scuola primaria, in modo profondo ma anche gioioso, grazie alla musica.

🎁Di queste, e di tante altre attività, puoi scaricare gratuitamente i materiali iscrivendoti alla mia newsletter

Fai musica con i bambini?

Iscriviti alla newsletter e scarica subito gratis:

✅3 libri in prova📚
✅40 schede in PDF📥
✅Una guida didattica completa📝
Progetti programmazioni📑


La giornata della memoria a scuola primaria

Affrontare la giornata della memoria non è affatto facile: per poter spiegare ai bambini una tragedia come quella della Shoah ci vuole molta delicatezza, per via delle emozioni forti che il racconto può suscitare.

Ma la musica è notoriamente il linguaggio migliore per dialogare con le emozioni, ed è per questo che ho individuato tre canzoni di origine ebraica che potrai affrontare con i tuoi bambini a scuola primaria.


Evenu Shalom Alehem

Questa è senz’altro una delle canzoni ebraiche più conosciute qui in Italia, per via delle varie traduzioni fatte anche a scopo liturgico.

Nella versione più conosciuta è utilizzata come augurio di pace in tutto il mondo, ed è così che la voglio dedicare a tutti i bambini

Guarda il video!

In questo video canto la canzone Evenu Shalom Alehem tradotta in italiano.

📚Per questa e per tante altre attività puoi scaricare gratis i materiali semplicemente iscrivendoti alla mia newsletter:

Già fatto? Vai direttamente alla pagina dei materiali gratuiti che trovi linkata nelle mie email!

Hava Nagila – brano strumentale per la giornata della memoria

Il primo brano musicale che ti propongo per commemorare la giornata della memoria si intitola Hava Nagila.

Io l’ho arrangiato, come sempre, con il metodo dei Suoni e Silenzi, i pallini che ci permettono di leggere e suonare la musica con i bambini in modo facilissimo e velocissimo.

Guarda il video con i pallini!

Se non conosci il metodo Suoni e Silenzi devi assolutamente provare il libro!

In questo video, trovato su YouTube, potrai ascoltare con i tuoi bambini la canzone originale, eseguita dal coro e dall’orchestra.

In fondo all’articolo trovi un approfondimento storico-culturale sulla musica ebraica a cura di Silvio Lorenzato.


Te Ve Orez – canzone per la giornata della memoria

Un’altro brano ebraico molto bello, scoperto grazie al mio collega Silvio Lorenzato, si intitola Te Ve Orez, ovvero Tè e Riso.

Anche di questo brano ho realizzato un’arrangiamento con i pallini che potrai suonare con i tuoi bambini a scuola.

Guarda il video con i pallini!

Il brano è davvero facile, si ripete sempre lo stesso ritmo con strumenti musicali differenti.

Personalmente ho anche realizzato quest’attività con i bambini della scuola d’infanzia, in modo leggermente diverso: la prima riga di pallini viene eseguita con le mani, la seconda con i piedi.

Possiamo farlo da fermi, battendo mani e piedi, oppure in cerchio, accoppiando ai battiti dei piedi quattro passi in avanti, o indietro, o lungo il cerchio.

Provaci, e fammi sapere come va!


Conclusioni e Materiali Didattici

Affrontare la giornata della memoria a scuola con i bambini è sicuramente una bella sfida: saper raccontare loro la storia della shoah con delicatezza è molto importante, per non spaventarli ma al tempo stesso renderli consapevoli di un fatto così importante della nostra storia.

Attraverso le musiche che ti ho proposto spero tu riuscirai a farlo anche con i tuoi bambini!

📚Per questa e per tante altre attività puoi scaricare gratis i materiali semplicemente iscrivendoti alla mia newsletter:

Già fatto? Vai direttamente alla pagina dei materiali gratuiti che trovi linkata nelle mie email!

La giornata della memoria – approfondimenti

Su questo stesso tema potrai trovare tantissimi articoli su internet con schede e materiali didattici per la scuola primaria, ma ho voluto selezionare per te due contenuti che ritengo particolarmente validi:

A scuola primaria

Se lavori nella scuola primaria ti voglio segnalare il blog della mia collega, la Maestra Anita, che svolge un’instancabile lavoro di produzione didattica a beneficio di tantissimi insegnanti di scuola primaria!

In un recente articolo ha raccolto delle proposte didattiche per la classe prima, che ti riporto qui sotto:

La giornata della memoria nel blog della Maestra Anita

A scuola secondaria

Se invece lavori con i più grandi, nella scuola secondaria, questa giornata sarà l’occasione per approfondire alcuni elementi di storia e di cultura del popolo Ebraico.

Per aiutarti ho interpellato il mio collega Silvio Lorenzato, grandissimo esprerto di danze popolari di tutto il mondo, il quale mi ha gentilmente fornito tantissime informazioni sulla storia e le tradizioni della musica ebraica, meglio nota come musica Klezmer.

LA MUSICA EBRAICA E LA MUSICA ISRAELIANA

A cura di Silvio Lorenzato

Il panorama della musica tradizionale ebraica è estremamente ricco, dato soprattutto l’arco temporale che occupa, che va dalle testimonianze archeologiche e alcuni passi delle Sacre Scritture, fino alle influenze della diaspora e della musica contemporanea.

La musica ebraica antica è documentata da reperti archeologici, da testimonianze iconografiche (monete, vasi) e da alcuni passi nelle Sacre Scritture (rif. Torah, Zemirot).

Fra gli strumenti musicali, distinguiamo strumenti a corde (kinnor, una sorta di cetra usata dalla famiglia dei Leviti nella liturgia del Tempio ed inizialmente tradotta come “arpa di Re David”), strumenti aerofoni (ugab, sorta di flauto dritto), percussioni (tof, un grande tamburo a cornice che le fonti affidano alle donne), campanelli (pa’amon) come quelli cuciti agli orli della veste dei sacerdoti, e lo šofar, il corno di capro o montone privo di bocchino, l’unico strumento antico che si conserva ancora oggi nel culto ebraico ed usato in occasione della festa di Yom Kippur.

Per quel che riguarda l’accompagnamento musicale delle cerimonie, questo è essenzialmente affidato al canto, per l’intonazione della Torah, dei brani di commento e per la recita delle preghiere.

Il repertorio musicale più antico sembra essere quello prodotto nelle comunità ebraiche asiatiche più isolate, quale ad esempio quella yemenita. 

Successivo e più documentato è il repertorio sefardita (da Sefarad, Spagna per gli Ebrei) diffuso in tutta l’area mediterranea, dalla penisola Iberica alla Grecia, dal Maghreb alla Turchia.

Grazie all’apporto arabo, le comunità serfardite hanno inserito nella loro tradizione sia gli strumenti musicali arabi, fra tutti lo ud (liuto) sia le forme musicali (romanze, canticas).

Documentata già nel Seicento, con la parola klezmer (strumento che suona) si indica una piccola formazione di strumentisti che eseguono la musica tradizionale nelle comunità ashkenazite dell’Europa centro-orientale. Il repertorio musicale klezmer ha subito in Europa, nel corso del suo sviluppo, l’influenza della musica balcanica, adottandone sia gli strumenti, violino e clarinetto, sia i temi trattati nelle canzoni, usate nei momenti di festa. 

Con la morte dello zar Alessandro II, ucciso nel 1881, e fino alla Prima Guerra Mondiale, quasi un terzo degli ebrei dell’Europa orientale ha intrapreso una dolorosa migrazione, raggiungendo l’America Latina e soprattutto gli Stati Uniti. Qui, la musica klezmer, da sempre musica di fusione, ha assimilato la nuova musica americana, incontrando il jazz.

Con l’arrivo in Palestina, nella prima metà del XX secolo, di numerosi immigrati provenienti dalle più diverse comunità sparse nel mondo e pronti a costruire il nuovo stato di Israele (1948), si è venuto a formare il nucleo “primario” della musica israeliana. Il luogo principale per il confronto delle diverse tradizioni sono stati i kibbutz. 

Dopo la formazione dello stato d’Israele, musicisti e cantanti hanno composto nuove opere, miscelando fra loro elementi provenienti dalle varie tradizioni, opere che hanno contribuito alla formazione della musica israeliana.


Ti potrebbe interessare:

Musica e attività motoria a scuola

Con Suoni e Silenzi unire musica e movimento è un gioco da bambini! Ciao collega!👋Insegni a scuola e vorresti unire la musica con il movimento, facendo attività motoria in modo divertente, suonando e cantando mentre fate sport? Benvenuto nel mondo di Suoni e Silenzi, il metodo più facile e divertente per fare musica in gioco!…

La Canzone del Semaforo

La canzone del semaforo insegna l’educazione civica ai bambini e le emozioni in modo semplice e poetico, per tutti i bambini di scuola

Fare Body Percussion a scuola

Vuoi fare body percussion a scuola d’infanzia? Ecco alcune attività facili e materiali didattici gratuiti per te e per i tuoi bambini!


Cosa ti serve?

Maestro Libero

Mi chiamo Libero, e la mia passione è insegnare la musica ai bambini, in modo facile e divertente.

Tutti possono insegnare musica, basta avere i materiali giusti!

Ti è piaciuto questo articolo? Fammelo sapere nei commenti 👇

Ecco altre pagine del mio sito che ti consiglio di visitare:

📚Materiali Didattici

Libri, attività, schede, progetti, videocorsi. C’è tutto quello che ti serve per fare musica a scuola!

🔴❌Suoni e Silenzi

Il solfeggio più facile del mondo! E’ il modo più facile per fare musica a scuola!

🎼Lezioni di musica gratis per bambini

👧Fare musica nella scuola dell’infanzia

📝Il progetto di musica a scuola

4 commenti su “La giornata della memoria a scuola

  1. ANCHE QUESTO ARTICOLO MI è MOLTO PIACIUTO. STO PENSANDO DI PROPORLO PER LA GIORNATA DELLA MEMORIA. TI RINGRAZIO TANTO PER LE ATTIVITà CHE CI PROCURI PERCHè, SOPRATTUTTO PER ME CHE STO VIVENDO IL MIO PRIMO ANNO DI ESPERIENZA NELLA SCUOLA PRIMARIA, SEI STATO UN SALVA VITA IN DAD!!! GRAZIE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *