Le indicazioni nazionali per fare musica a scuola

Le linee guida del Miur per insegnare musica a scuola

Ciao collega!👋
In questo articolo voglio fornirti un supporto di base per cominciare a pianificare, ma soprattutto realizzare, il tuo progetto per fare musica a scuola seguendo le indicazione nazionali del MIUR.

Per poter fare musica a scuola con i bambini è importante infatti conoscere le direttive del Miur, ma ancora più essenziale è disporre di attività concrete, strutturate in un percorso articolato attraverso l’intero anno scolastico.

Nella mia Guida Didattica Gratuita troverai tutto questo!

Mini Guida Didattica

Musica a scuola d’infanzia e primaria con:

  • Un progetto pronto
  • Otto programmazioni da 3 a 11 anni
  • Tanti consigli per te

Puoi scaricare gratis il Pdf o acquistarla stampata a soli €4,99

Compila il modulo per riceverla gratis in Pdf:

Premessa: cosa sono le Indicazioni Nazionali?

Per ogni viaggio che dobbiamo pianificare c’è bisogno di un punto di partenza e di un punto di arrivo. La stessa cosa vale per la corretta programmazione di un’attività di musica a scuola.

Il punto di partenza siete tu e i tuoi bambini, con le vostre capacità, le vostre paure e la vostra voglia di mettervi in gioco. Il punto di arrivo dovete deciderlo insieme, tenendo presente alcune coordinate di base.

Nelle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione del 2012 il MIUR ha delineato le linee guida della didattica scolastica, individuando i traguardi per lo sviluppo delle competenze ai quali ogni alunno, al termine della scuola dell’infanzia della scuola primaria, dovrebbe giungere.

Questo, tradotto in pratica, significa che noi insegnanti abbiamo il dovere di predisporre percorsi di apprendimento che consentano ad ogni bambino di poter raggiungere le competenze previste.

Nessun percorso didattico dovrebbe dunque prescindere da quelle indicazioni, per poter  essere coerente con le promesse fatte agli studenti.

Per ogni materia o campo di esperienza (nella scuola dell’infanzia) vengono individuati i traguardi finali e anche per la musica vale la stessa cosa.

Dunque prima di progettare il tuo intervento didattico è opportuno conoscere a quali obiettivi di apprendimento dovrai far giungere i tuoi piccoli musicisti.

Vediamo dunque cosa dicono queste indicazioni nazionali e come metterle in pratica:

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola d’infanzia

Gli obiettivi a questa età riguardano le IMMAGINI, I SUONI E I COLORI.

  • Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente.
  • Inventa storie e sa esprimerle attraverso la drammatizzazione, il disegno, la pittura e altre attività manipolative; utilizza materiali e strumenti, tecniche espressive e creative; esplora le potenzialità offerte dalle tecnologie.
  • Segue con curiosità e piacere spettacoli di vario tipo (teatrali, musicali, visivi, di animazione); sviluppa interesse per l’ascolto della musica e per la fruizione di opere d’arte.
  • Scopre il paesaggio sonoro attraverso attività di percezione e produzione musicale utilizzando voce, corpo e oggetti.
  • Sperimenta e combina elementi musicali di base, producendo semplici sequenze sonoro-musicali.
  • Esplora i primi alfabeti musicali, utilizzando anche i simboli di una notazione informale per codificare i suoni percepiti e riprodurli.

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

In questa fascia di età, invece, si parla proprio di MUSICA.

  • L’alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro fonte.
  • Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche o codificate.
  • Articola combinazioni timbriche, ritmiche e melodiche, applicando schemi elementari; le esegue con la voce, il corpo e gli strumenti, ivi compresi quelli della tecnologia informatica.
  • Improvvisa liberamente e in modo creativo, imparando gradualmente a dominare tecniche e materiali.
  • Esegue, da solo e in gruppo, semplici brani vocali o strumentali, appartenenti a generi e culture differenti, utilizzando anche strumenti didattici e auto-costruiti.
  • Riconosce gli elementi costitutivi di un semplice brano musicale.
  • Ascolta, interpreta e descrive brani musicali di diverso genere

Alla fine del ciclo della scuola primaria ci sono delle competenze che i ragazzi devono raggiungere, vediamo quali sono secondo le linee guida nazionali.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria

  • Utilizzare voce, strumenti e nuove tecnologie sonore in modo creativo e consapevole, ampliando con gradualità le proprie capacità di invenzione e improvvisazione.
  • Eseguire collettivamente e individualmente brani vocali/strumentali anche polifonici, curando l’intonazione, l’espressività e l’interpretazione.
  • Valutare aspetti funzionali ed estetici in brani musicali di vario genere e stile, in relazione al riconoscimento di culture, di tempi e luoghi diversi.
  • Riconoscere e classificare gli elementi costitutivi basilari del linguaggio musicale all’interno di brani di vario genere e provenienza.
  • Rappresentare gli elementi basilari di brani musicali e di eventi sonori attraverso sistemi simbolici convenzionali e non convenzionali.
  • Riconoscere gli usi, le funzioni e i contesti della musica e dei suoni nella realtà multimediale (cinema, televisione, computer). 

Come ti renderai conto da te, non sempre è semplice tradurre in pratica queste indicazioni del MIUR. Il linguaggio utilizzato può essere poco chiaro per chi non ha competenze musicali, e comunque non vengono indicati i contenuti specifici da affrontare in classe.


Cosa fare nella pratica?

Di fatto queste indicazioni ci danno solo un profilo generico del punto di arrivo al quale tendere.

Ma come arrivarci? In quanto tempo e con quali tappe? Per conseguirli, ovviamente, serviranno attività pronte e ben strutturate.

Nella mia Guida Didattica per la musica a scuola ti fornisco tutte queste indicazioni, ma soprattutto un Progetto Pronto con tutti questi obiettivi declinati in funzione di attività specifiche, tratte dal libro Suoni e Silenzi, il besteseller italiano della didattica musicale per bambini!

Una volta presentato il progetto, infatti, dovrai realizzarlo con attività pronte all’uso, e nei miei libri ne trovi tantissime, facili da realizzare anche per chi non possiede nessuna competenza musicale!

Mini Guida Didattica

Musica a scuola d’infanzia e primaria con:

  • Un progetto pronto
  • Otto programmazioni da 3 a 11 anni
  • Tanti consigli per te

Puoi scaricare gratis il Pdf o acquistarla stampata a soli €4,99

Compila il modulo per riceverla gratis in Pdf:


Fai musica con i bambini?

Prova il Metodo Suoni & Silenzi!

✅ +1.500.000 di bimbi lo hanno imparato
✅ +75.000 insegnanti lo hanno adottato
✅ +1000 recensioni a 5 stelle su Amazon

Prova gratis le prime tre lezioni!

Articoli del momento

Il Rap dei nomi

Ti presento un’attività molto divertente per accogliere i nuovi bambini in classe, perfetta anche per…
Leggi

Chi è il Maestro Libero?

Mi chiamo Libero, e la mia passione Ã¨ fare musica con i bambini in modo facile e divertente!

Ho pubblicato un sacco di libri ed ogni giorno più di 75.000 insegnanti e genitori insegnano musica ai loro bambini con il mio Metodo Suoni e Silenzi®, il libro di musica per bambini più venduto su Amazon.

Qui sul mio sito potrai trovare tantissimi libri, schede, canzoni e progetti per fare musica con i tuoi bambini anche senza leggere una sola nota musicale!

Cosa devi fare assolutamente:

1. Prova gratis il Metodo Suoni e Silenzi, il libro di musica per bambini più venduto in Italia!

2. Area Vip: registrati gratis per scaricare tantissime schede, progetti e programmazioni pronte (scopri di più)

3. Materiali Didattici: consulta il catalogo completo di tutti i materiali che ho pubblicato (scopri di più)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *